Fondazione Filarete
ENG
HUB per la ricerca e l'innovazione                                                           
Homepage / Fondazione / News
  news
15/01/2019 13.00.00
BioUpper premia l’innovazione nelle scienze della vita.

QuicklyPro, startup supportata nella fase di accelerazione dal team di Fondazione UniMi e Filarete Servizi, è tra i vincitori della terza edizione di Bioupper, l’innovativa piattaforma rivolta alle startup nelle Scienze della Vita.

Il Team di QuicklyPro ha partecipato alla call con il progetto Q-Walk, una sistema ideato e brevettato da un team di fisioterapisti per migliorare la deambulazione dei pazienti malati di Parkinson.

 

Q-Walk nasce dalla quotidiana ricerca di una soluzione pratica ed efficace che permetta di migliorare la condizione motoria dei pazienti affetti da parkinson affinché possano tornare a trovare semplici gesti come il camminare.

 

Q-walk è il primo wearable device, altamente tecnologico, che aiuta i pazienti malati di Parkinson nella riduzione sostanziale delle problematiche di deambulazione, come la festinazione e il freezing, grazie ad un meccanismo di funzionamento che usa feedback visivi proiettati al suolo per guidare la camminata del paziente, il movimento monitorato è visionabile tramite App.

Il progetto si è distinto tra più di 200 domande di applicazione, aggiudicandosi la possibilità di accedere alla fase di accelerazione, un percorso tailor-made orientato ad accelerare e rendere efficace la fase di ‘go-to-market’, a cui hanno accesso solo 10 team scelti da una giuria di esperti. 

La finale BioUpper, che ha avuto luogo presso il Ministero dello Sviluppo Economico, rappresenta l’apice di questo percorso di accelerazione, realizzato grazie a una rete di incubatori diffusi su tutto il territorio nazionale: Campania NewSteel, Digital Magics, dPixel, Fondazione UniMi (già Fondazione Filarete), I3P, JCube, PoliHub e LUISS Enlabs.

Il programma, promosso da Novartis e Fondazione Cariplo con la partecipazione di IBM e la collaborazione di Cariplo Factory, ha premiato l’impegno di altri due progetti: Anant, un device che analizza la pelle per prevenire i tumori cutanei e utilizza l’intelligenza artificiale per dialogare con il paziente e il suo dermatologo e Patch, un chatbot basato sull’intelligenza artificiale che fa da assistente personale e migliora efficienza e accuratezza dei test clinici e la comunicazione con il proprio medico.

 

I team vincitori avranno accesso alla fase successiva di go to market, un percorso che sarà personalizzato in base alle loro necessità, per prepararli all'evento finale di BioUpper: la presentazione della loro azienda ai potenziali investitori nel corso dell'Investor Day, previsto entro maggio 2019.

 

Complimenti a tutti i team per il risultato raggiunto!